Tolkien

Chi era Tolkien?

John Ronald Reuel Tolkien (1892-1973) è stato uno dei maggiori studiosi della lingua inglese. Due volte professore di anglosassone (inglese antico) all’Università di Oxford, ha anche scritto una serie di storie divenute mito e leggenda, tra cui le più famose Lo Hobbit (1937) e Il Signore degli Anelli (1954-1955), ambientate in un pre-era storica che chiamò con il nome inglese di Terra di Mezzo. Questo regno era popolato da Uomini e donne, Elfi, Nani, Troll, Orchi (o Goblin) e, naturalmente, Hobbit. 

Il nome “Tolkien” (pron.: Tol-keen; uguale accento su entrambe le sillabe) era ritenuto dalla famiglia (compreso lo stesso Tolkien) di origine tedesca; Toll-kühn: stupidamente coraggioso, o stupidamente intelligente, da cui lo pseudonimo “Oxymore” che usava occasionalmente; tuttavia, molto probabilmente questa era una razionalizzazione tedesca di un Tolkyn, o Tolkīn, originariamente baltico. In ogni caso, il suo trisnonno John (Johann) Benjamin Tolkien venne in Gran Bretagna con suo fratello Daniel da Danzica intorno al 1772 e divenne rapidamente completamente anglicizzato. Arthur era un impiegato di banca e si recò in Sud Africa nel 1890 per migliori prospettive di promozione. Lì fu raggiunto dalla sua sposa, Mabel Suffield. Così John Ronald (“Ronald” per la famiglia e i primi amici) nacque a Bloemfontein, SA, il 3 gennaio 1892. I suoi ricordi dell’Africa erano lontani ma vividi, incluso uno spaventoso incontro con un grosso ragno peloso, e influenzarono i suoi successivi scritti, il 15 febbraio 1896 suo padre morì, e lui, sua madre e suo fratello minore Hilary tornarono in Inghilterra nelle Midlands Occidentali.

Nel 1904 Ronald stava già mostrando notevoli doti linguistiche. Aveva imparato il latino e il greco, che erano la base dell’educazione artistica a quel tempo, e stava diventando più che competente in un certo numero di altre lingue, sia moderne che antiche, in particolare il gotico e più tardi il finlandese. Era già impegnato a inventare le sue lingue, per puro divertimento. Si era anche fatto molti amici intimi da King Edward’s; nei suoi ultimi anni di scuola si incontrarono regolarmente fuori orario come “TCBS” (Tea Club, Barrovian Society, dal nome del loro luogo di incontro presso i Barrow Stores) e continuarono a corrispondere e scambiarsi e criticarsi reciprocamente il lavoro letterario fino al 1916.

Tra gli inquilini della pensione della signora Faulkner giunse una giovane donna di nome Edith Bratt. Quando Ronald aveva 16 anni e lei 19, si conobbero e diventarono amici. Il padre Francis proibì a Ronald di vedere o anche corrispondere con Edith per tre anni, fino all’età di 21 anni. Ronald obbedì stoicamente. Nell’estate del 1911, fu invitato a partecipare a una festa durante una vacanza itinerante in Svizzera, che potrebbe aver ispirato le sue descrizioni delle Montagne Nebbiose e di Gran Burrone. Nell’autunno di quell’anno salì all’Exeter College di Oxford dove soggiornò, immergendosi nei classici, inglese antico, lingue germaniche (soprattutto gotiche), gallese e finlandese, fino al 1913, quando rapidamente, ma non senza difficoltà, ha ripreso il suo rapporto con Edith. Ha poi conseguito una laurea di seconda classe in Honor Moderations. Una delle poesie che scoprì nel corso dei suoi studi sull’inglese antico fu laCrist of Cynewulf – è rimasto stupito soprattutto dal brano criptico:

Eálá Earendel engla beorhtast
Offerta middangeard monnum i

Che si traduce: Ave Earendel, il più luminoso degli angeli, sulla Terra di Mezzo inviata agli uomini.
(” Middangeard ” era un’antica espressione che indicava che la nostra dimensione si trova tra il paradiso in alto e l’inferno in basso.) Ciò ispirò alcuni dei suoi primissimi e rudimentali tentativi di realizzare un mondo di antica bellezza.

A differenza di tanti suoi contemporanei, Tolkien non si affrettò ad arruolarsi immediatamente allo scoppio della guerra, ma tornò a Oxford, dove lavorò duramente e finalmente conseguì una laurea nel giugno 1915. In quel periodo stava anche lavorando a vari componimenti poetici e alle sue lingue inventate, in particolare quella che chiamò Qenya, che era pesantemente influenzata dal finlandese, ma risentiva ancora la mancanza di un filo conduttore per legare le sue fantasie. Tolkien alla fine si arruolò come sottotenente nei Lancashire Fusiliers mentre lavorava alle idee di Earendel il Marinaio. Per molti mesi Tolkien soggiornò in Inghilterra, nello Staffordshire. Alla fine sembrò che dovesse partire presto per la Francia, si sposò con Edith a Warwick il 22 marzo 1916.

Alla fine fu inviato in servizio sul fronte occidentale. Dopo quattro mesi dentro e fuori le trincee si infettò con la “febbre da trincea”, una forma di infezione simile al tifo comune nelle condizioni igieniche, e all’inizio di novembre fu rimandato in Inghilterra, dove trascorse il mese successivo in ospedale a Birmingham. A Natale si era ripreso abbastanza da stare con Edith a Great Haywood nello Staffordshire.

Durante questi ultimi mesi, tutti i suoi amici intimi del “TCBS” tranne uno erano stati uccisi in guerra. In loro memoria, ma anche mosso dalla reazione contro le sue esperienze di guerra, aveva cominciato a dare forma alle sue storie, “ … anche alcuni giù nei rifugi sotto il fuoco delle granate ” [Lettere 66]. Questi ricordi presero forma nel Libro dei Racconti Perduti (pubblicato postumo), in cui la maggior parte delle principali storie del Silmarillion compaiono nella loro forma originaria: racconti di Elfi e di “Gnomi”, (cioè Elfi Oscuri, successivamente i Noldor), con le loro lingue Qenya e Goldogrin . Qui si trovano le prime versioni documentate delle guerre contro Morgoth, l’assedio e la caduta di Gondolin e Nargothrond, e i racconti di Túrin e di Beren e Lúthien.

Nel 1918 fu promosso a tenente. Quando si trovò lì nei pressi Ronald ed Edith andarono a passeggiare nei boschi della vicina Roos, e lì in un boschetto fitto di cicute, Edith ballò per lui. Questa fu l’ispirazione che fece nascere il racconto di Beren e Lúthien, un tema ricorrente nel suo “Legendarium”. Arrivò a pensare a Edith come “Lúthien” e se stesso come “Beren”. Il loro primo figlio, John Francis Reuel (poi padre John Tolkien) nacque il 16 novembre 1917.

Nel 1945 avviò il suo lavoro ed ottenne una cattedra alla Merton Professorship of English Language and Literature, che mantenne fino al suo pensionamento nel 1959.

La sua vita familiare trascorreva felice. Edith diede alla luce la loro ultima figlia e unica figlia, Priscilla, nel 1929. Tolkien prese l’abitudine di scrivere lettere illustrate annuali ai bambini come se provenissero da Babbo Natale, e una selezione di queste fu pubblicata nel 1976 come The Father Christmas Letters. Ha anche raccontato loro numerose storie della buonanotte. 

Ben presto divenne uno dei membri fondatori di un gruppo di amici di Oxford (non tutti dell’’università) con interessi simili, noto come “The Inklings”.  Alcuni membri di spicco erano i signori Coghill e Dyson, oltre a Owen Barfield, Charles Williams e soprattutto CS Lewis, che divenne uno degli amici più stretti di Tolkien. Gli Inkling si incontravano regolarmente per conversare, bere e condividere i loro lavori.

Nel frattempo Tolkien continuò a creare i suoi mondi e le sue lingue. Come accennato in precedenza, raccontò ai suoi figli racconti della buonanotte, alcune delle quali si sono tramutate in quelle pubblicate postume come Mr. BlissRoverandom, ecc.

Un giorno, Tolkien racconto che, impegnato nel compito di correggere prove d’esame,  fu incuriosito dalle pagine vuote lasciate da uno studente. In questa pagina, ispirato da chissà quale musa, scrisse “In un buco nel terreno viveva uno hobbit”.

Tolkien, decise quindi che aveva bisogno di scoprire cos’era uno Hobbit, in che tipo di buco viveva, perché viveva in un buco, ecc. Da questa indagine nacque una storia che raccontò ai suoi figli più piccoli. Nel 1936 un dattiloscritto incompleto giunse nelle mani di Susan Dagnall, dipendente della casa editrice di George Allen e Unwin.

Chiese a Tolkien di finirlo e presentò la storia completa a Stanley Unwin, l’allora presidente dell’azienda. Dopo averlo letto a suo figlio Rayner di 10 anni, approvò il testo che fu pubblicato nel 1937: Lo Hobbit.

Ottenne subito un grande successo e da allora continuò a pubblicare letture per i bambini. Ebbe un tale successo che Stanley Unwin chiese se avesse altro materiale simile disponibile.

Tolkien aveva iniziato a rimaneggiare il suo Legendarium. Lo rinominò Quenta Silmarillion, o Silmarillion. Presentò alcuni dei suoi racconti a Unwin, che li ha inviò alla stampa. La reazione del lettore fu mista: antipatia per la poesia e lode per la prosa (il materiale era la storia di Beren e Lúthien) ma purtroppo opionione comune fu che all’epoca questi non avrebbero ottenuto riscontro commerciale.  Tolkien era deluso dall’apparente fallimento di Il Silmarillion, ma accettò e raccolse la sfida di creare il “Il Nuovo Hobbit”.

La Via prosegue senza fine
Lungi dall’uscio dal quale parte.
Ora la Via è fuggita avanti,
Devo inseguirla a ogni costo
Rincorrendola con piedi alati
Sin all’incrocio con una più lunga
Dove si uniscono piste e sentieri.
E poi dove andrò? Nessuno lo sa.

Si sviluppò presto un progetto molto più completo e ambizioso di una storia per bambini; così nacque Il Signore degli Anelli. È grazie alla strenua difesa di Rayner Unwin che dobbiamo il fatto che questo libro sia stato pubblicato! La ditta di suo padre decise di sostenere la probabile perdita di £ 1.000 per il succès d’estime e di pubblicarlo con il titolo di Il Signore degli Anelli in tre parti durante il 1954 e il 1955, con i diritti per gli USA andati a Houghton Mifflin. Divenne presto evidente che sia l’autore che gli editori avevano fortemente sottovalutato l’interesse pubblico dell’opera.

Il Culto
Il Signore degli Anelli divenne rapidamente noto al grande pubblico. Ebbe recensioni contrastanti, che andavano dall’estatico (WH Auden, CS Lewis) al pessimo (E. Wilson, E. Muir, P. Toynbee). La BBC creò un adattamento radiofonico condensato in 12 episodi sul Terzo Programma. Lungi dal perdere denaro, le vendite hanno così superato il punto di pareggio.

Il momento davvero di svolta fu quando Il Signore degli Anelli uscì in una versione tascabile piratata nel 1965. Dapprima, questo diffuse velocemente l’opera come versione tascabile e secondariamente, la pubblicità generata dalla disputa sul copyright ha comunicato a milioni di lettori americani dell’esistenza del volume che si avvicinava ai loro valori. Nel 1968 Il Signore degli Anelli era quasi diventato la Bibbia degli alternativi.

Nel frattempo il culto, non solo di Tolkien, ma della letteratura fantasy che aveva fatto rivivere, se non addirittura ispirato (con suo sgomento), stava decollando alimentando ancora la leggenda, ma questa è un’altra storia.

Tutto ciò che dobbiamo decidere è cosa fare col tempo che ci viene dato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.