il Cervo sacro

Il cervo rappresenta il lato selvaggio della natura. Associato a Cernunno, il Signore degli Animali, e alle dee della caccia sacra, esso è stato elevato al rango di divinità dai Celti dell’Età del Ferro. 
La nobile presenza del cervo tra gli animali, le sue corna ramificate che ricordano alberi robusti, e la potenza e l’aggressività durante la stagione degli amori incarnano gli sterminati boschi dell’antica Europa, dove il cervo regnava quale Re della Foresta. Il cervo rappresenta le passioni nobili e selvagge che animano la natura.

Una sintesi delle prove archeologiche e mitologiche indica il cervo come simbolo del lato selvaggio della natura, il Re della Foresta. L’antica Gallia era ricoperta da gigantesche selve, così come lo erano  l’Inghilterra e l’Irlanda. Le corna del cervo, simili ai rami di un albero protesi verso il cielo, insieme alla sua velocità, alla sua dignità e al suo portamento, sono inequivocabili segni di nobiltà tra gli animali.
Generalmente, nella mitologia celtica il cervo viene associato a Cernunno, il Signore degli Animali. Il bacile di Gundestrup ritrae un Cernunno cornuto insieme al suo tradizionale compagno, il cervo.

Forse retaggio di una tradizione ancora più antica, questo animale è strettamente legato alle dee, soprattutto alle loro qualità di potere e fertilità. La dea irlandese Flidhais, che era solita tenere mandrie
di cervi come se fossero bestiame domestico, sembra incarnare la natura selvaggia e fertile della foresta circostante.
L’immagine di una dea della caccia sacra è stata trovata sepolta accanto a un guerriero celtico dell’Età del Ferro a Strettweg.

Se avete incontrato un cervo volete agire seguendo gli istinti più appassionati e spontanei della vostra natura.
Tuttavia le vostre passioni sono ancora confuse e creano disordine dentro e attorno a voi. Focalizzatevi sulle passioni, e riuscirete a domare le forze impetuose e talvolta caotiche che fanno parte del vostro carattere. Senza questa concentrazione interiore, persino gli slanci creativi possono generare conflitti e tensioni. Prendendo a esempio la quieta dignità e la cautela del cervo, riuscirete abilmente a dominare le passioni e a creare armonia.
La sovranità del cervo nella natura selvaggia è calma, attenta e riservata: un giusto equilibrio per la mascolinità e la potenza che lo contraddistinguono. Affrontando con tranquillità e cautela i pericoli, mantenendo il controllo anche nelle circostanze più difficili, e andando incontro a tutte le situazioni con il giusto equilibrio di velocità e forza, il cervo incarna un modello interiore ed esteriore di compostezza e disciplina. Una salda concentrazione vi permetterà di mantenere la calma in ogni circostanza, come se steste attraversando sereni una foresta. In questo modo, per quanto la situazione o il vostro carattere possano essere ribelli, le azioni saranno colme di forza e potenza.

All the images on this web page are trademark and artwork of Brian Froud . © Brian Froud. Visit WorldofFroud.com for more on this artist.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.