Drago magico

Dai saggi draghi serpentini dell’Est, ai giganteschi e temuti draghi d’Europa, fino ai giganteschi serpenti del mare, i draghi si sono radicati nel nostro subconscio. Le leggende dei draghi si estendono oltre il folklore e nei cuori e nelle menti di artisti, scrittori e narratori. Dalle antiche saghe vichinghe di “Sigurd e Fafnir ‘” e “Beowulf’” a “The Yellow Emperor” della leggenda cinese e al drago Smaug  di Tolkien in “The Hobbit”, li conosciamo tutti.  Non ha mai pensato come mai sono così diffuse e antiche queste leggende. Coincidenze?

Il drago cinese che tutti conosciamo dalle numerose celebrazioni del capodanno cinese è considerato sacro dai cinesi. Si pensa che siano saggi e spesso assumono la forma di aiutanti nelle storie che provengono dal mondo dell’est. Vengono rappresentati con un corpo lungo e sottile; elegante e delicato, ma di dimensioni enormi. A volte incapaci di volare e prive di ali, ma sempre aggraziati ed eleganti; i loro lunghi baffi come ornamenti simili a quelli raffigurati nei ritratti degli imperatori cinesi, un ulteriore simbolo della loro saggezza e potere. Sono tutti raffigurati con quattro gambe, ricoperti di squame e con la capacità di controllare un elemento; che sia fuoco o, più comunemente, acqua. 

Poi ci sono i serpenti del mare, quelle gigantesche creature simili a serpenti che predano le navi e sono state cantate dai marinai dai Paesi Bassi alla Grecia nel corso delle generazioni. Eleganti, giganteschi e ricoperti di squame, essenzialmente draghi senza zampe o ali. 

Arriviamo quindi ai draghi europei. Queste magnifiche creature sono quanto più lontane in termini di statura dai loro cugini cinesi. Temuti e odiati dai più, si pensa che siano bestie non intelligenti, che predano il bestiame e seminano il caos. Sono raffigurati con quattro zampe e due ali giganti. Anche il loro corpo è ricoperto di squame. Possono sputare fuoco e diventare temibili nemici.

Nelle leggende celtiche e saghe arturiane, forse i draghi più famosi sono sicuramente quelli raccontati nel mitico Historia Regum Britanniae Goffredo di Monmouth  e nel “Storia di Re Artù e dei suoi Cavalieri” di Thomas Malory.
Per difendersi dall’esercito che minacciava il suo trono, Vortigern costruì una grande fortezza sulla pianura di Salisbury. Tuttavia, le alte e spesse mura che i muratori riuscivano ad erigere durante il giorno, venivano ritrovate a terra il giorno successivo. Furono consultati gli astrologi, i quali dissero che su quella pianura nulla si sarebbe potuto costruire se prima non si fosse sparso il sangue di un bambino, nato da una discendenza sovrannaturale. L’incantatore Merlino, protagonista indiscusso, qui entra nella storia: all’età di cinque anni, egli difese sua madre dall’imputazione di stregoneria, dimostrando la sua innocenza. La sua fama crebbe a dismisura e giunse alla corte di Vortigern. Quando gli fu chiesto perché le mura di Salisbury non restavano in piedi, Merlino rispose che due draghi, uno bianco e uno rosso, combattevano tutte le notti, sotto terra. I due draghi furono scoperti e, dopo una furiosa battaglia, il drago rosso fu sconfitto da quello bianco, che comparve nella foresta.

I lavori a Salisbury continuarono, ma Vortigern non trovò pace, poiché Merlino gli predisse le future battaglie con gli eredi di Costante e la sua sconfitta finale. Le predizioni di Merlino si avverarono. Uther e suo fratello Pendragon sbarcarono in Inghilterra con il loro esercito. Vortigern fu bruciato nel suo castello.
Sembra nelle saghe arturiane raccontate anche nel novecento da Mary Stewart (La grotta di cristallo, Le grotte nelle montagne, L’ultimo incantesimo, Il giorno fatale 1985) Merlino continui ad interagire con un drago che abitava in una cavita che era divenuta anche abitazione dell’incantatore.

Queste diverse storie  provenienti dai quattro angoli della terra potrebbero avere tutte un filo conduttore? La risposta potrebbe provenire da reperti fossili della preistoria.

E’ stato scoperto un dinosauro che ha molta somiglianza con l’immagine iconica dei draghi che conosciamo oggi.

Il Dracorex Hogwartsia è un dinosauro che, guardato già la prima volta riporta alla mente i draghi. Con il suo grosso teschio spinoso sormontato da una corona di corna, potrebbe essere facilmente scambiato per una qualsiasi delle sculture di teschi di drago trovate sul set di Game of Thrones . Scoperto nel 2003, il dinosauro simile a un drago prende il nome da, Dracorex , in latino significa “Re Drago”, e dalla scuola di magia e stregoneria: Hogwarts. Un nome magico per una scoperta davvero mitica.
Le nostre storie sui di draghi, quindi, potrebbero essere un ricordo perduto nel mare del tempo di una specie di dinosauro sopravvissuta all’estinzione? Voi che dite?

Quando guardiamo esempi in natura vediamo molte creature che hanno caratteristiche simili a draghi. Alcuni sono anche chiamati draghi; come i draghi di Komodo, la più grande specie vivente di lucertola. Un altro rettile noto come lucertola cornuta schizza sangue dai suoi occhi per spaventare i predatori. Potrebbe essere percepito come un fuoco che sputa? Allo stesso modo, molti rettili agitano le lingue biforcute come sensori: da lontano, potrebbe essere scambiato per una fiamma tremolante? 

Per quanto riguarda le ali e il volo, non dobbiamo guardare oltre la famiglia di lucertole Draco ; hanno una membrana che collega le zampe anteriori al corpo che usano per scivolare tra gli alberi. Anche il nome Draco è in latino drago. E non dimentichiamo la famiglia dei coccodrilli; queste antiche creature, sebbene lente e pesanti, sono molto simili a draghi nel loro aspetto, con una solida armatura squamosa, artigli che strappano la pelle e mascelle che schiacciano le ossa.

Quindi i draghi potrebbero essere una fusione di molte antiche creature e di ricordi? I miti fusi in un’unica super creatura? Non è difficile da credere. Dopo tutto, il leggendario grifone ha il corpo di un leone e la testa e le ali di un’aquila. Wang Fu, uno studioso della dinastia Han in Cina, crede che un vero drago cinese sia una fusione di nove diversi animali. 

Scorrendo nel tempo, in tempi più recenti, l’immagine dei draghi è mutata anche attraverso la loro apparizione come protagonisti di numerosi film e libri per bambini. Come dimenticare il Fortuna drago Fùcur della “Storia Infinita” nata dalla fervida immaginazione di Michael Ende?
Gli scrittori più moderni hanno unito diverse tipologie di immagini classiche come il già citato Smaug. Tolkien modellò l’aspetto del suo drago sui grandi draghi d’Europa, ma gli diede la saggezza dei draghi orientali. Gli antenati di Smaug furono successivamente descritti come grandi vermi che strisciavano sulle loro pance attraverso la terra, in modo simile alle storie della creazione degli indigeni australiani.

Non importa quale sia il drago, da qualunque parte provenga, ci affascinano ancora oggi e continuano a chiederci perché e da dove vengono? E ci sarà sempre una parte di noi che spera che, forse, solo forse, dopo tutto erano reali.

Testi tratti da https://folklorethursday.com/
The contents of this section taken from https://folklorethursday.com/

All the images on this web page are trademark and artwork of
Alan Lee . © Alan Lee.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.