Vischio, magico

Il vischio è una specie  di semiparassita che cresce sfruttando la linfa di altri vegetali. D’inverno, quando l e foglie degli  alberi  sono  sparite, conficca le sue invadenti radici  nei  tronchi  degli alberi da frutto, dei pioppi, e di alcune conifere e sviluppa una  tenace  piantina sempreverde dal  piccolo  fusto  legnoso, verde  bruno. Ha foglie ovali, lisce, coriacee, di un verde  un po’ spento, compie la fotosintesi clorofilliana rendendosi, almeno in parte, autonomo dai suoi ospiti.

Alla fine  dell’autunno compaio no sulla  pianta bacche  bianche, traslucide, che attirano tordi, merli e cinciallegre. Gli uccelli  ne fanno  grandi scorpacciate; dopo  eliminano i semi che si attaccano facilmente ai tronchi d egli alberi perché sono  ricoperti da  un liquido appiccicoso.  Così  il vischio si diffonde.

Vederlo spuntare pieno di vigore fra i rami scheletriti sembra quasi  un miracolo, e non c’è da stupirsi se le popolazioni nordiche l’hanno sempre ritenuto il frutto di misteriose forze  celesti. Il giorno del solstizio d’inverno i sacerdoti celti cercavano nei boschi quello, rarissimo, che nasce sulle querce. Lo tagliavano con un falcetto d’oro e lo lasciavano cadere su un immacolato lenzuolo di lino, poiché, si diceva, toccando il suolo avrebbe perso i suoi poteri  magici.

Nel Medioevo, guaritori e streghe preparavano elisir d’amore a base di estratti di bacche di vischio  per ricongiungere amori impossibili, sfuggenti, mentre con le foglie facevano pozioni medicamentose contro  le crisi di epilessia, le convulsioni e altre malattie nervose.  I rami della pianta, infine, accuratamente essiccati  e trattati  con opportuni  riti contro il malocchio, si conservavano tutto l ‘anno nelle abitazioni, per  tenere lontano gli spiriti malefici del diavolo.  Quest’ultima usanza non è stata dimenticata: alla fine dell’anno il vischio compare nelle  vetrine dei fiorai, ed è un regalo propiziatorio che gli amici più superstiziosi accettano volentieri. Pochi  però sanno che la pianta contiene potenti principi attivi con proprietà diuretiche, antispasmodiche, anti-ipertensive e antidolorifiche.
I medici dell’antichità lo usavano soprattutto per curare i disturbi del  circolo, del respiro e del  sistema nervoso, e alcune terapie naturali  a base di vischio sono ancora utilizzate nella cura dell’ipertensione, dei  disturbi nervosi legati allo stress e dei  dolori articolari.

Questa pianta ha un passato molto più oscuro e misterioso in cui si credeva che le sue proprietà magiche fossero più forti della maggior parte delle altre umili piante intorno ad essa. Alcuni documenti mostrano che si credeva che il vischio curasse tutto, forse anche la morte.

L’antropologo scozzese James Frazer ha intitolato la sua opera fondamentale, il “Ramo d’oro“, proprio alla pianta del vischio e i rituali magici a lui legati. Frazer osservò la grande venerazione che i druidi gallici avevano per il vischio che cresceva su una quercia; credendo che “tutto ciò che cresce su questi alberi è mandato dal cielo, ed è un segno che l’albero è stato scelto dalla divinità stessa”.

Plinio il Vecchio scrisse in Natural Histories che i Druidi lo chiamavano il ‘guaritore di tutto’ e pensavano che “il vischio, preso come bevanda, donerà fecondità a tutti gli animali che sono sterili, e che è un antidoto per tutti i veleni”. Frazer ha anche osservato che gli Ainu, gli indigeni della Russia e del Giappone, pensavano anche che il vischio fosse in grado di guarire tutto e potesse anche aiutare a superare l’infertilità, così come gran parte della popolazione del nord Europa e dell’Italia.

The Sacred Grove of the Druids, from the opera ‘Norma’ by Vincenzo Bellini (1802-35)

Sembra che due caratteristiche contribuissero a conferire fama al vischio; la prima è la sua natura parassitaria e la seconda, essere sempreverde. Molti dei rituali di taglio prevedevano che la pianta non toccasse mai il suolo; i Druidi credevano che il contatto con la terra avrebbe macchiato la sua natura celeste.

Il vischio è anche un sempreverde, spesso si rivela solo in inverno quando gli alberi ospiti hanno perso le foglie. A differenza delle altre essenze, il vischio sembra sopravvivere durante l’inverno anche per questo era associato alla fertilità e, in alcuni casi, all’immortalità.

Nel poema epico romano, L’Eneide, Virgilio accenna al grande potere del vischio. Quando Enea, l’eroe di Virgilio, parte per un viaggio negli inferi per incontrare suo padre Anchise, fu il vischio a fornire la chiave di accesso per l’altro mondo. Dopo aver consultato una Sibilla del Tempio di Apollo, Enea gli fu consigliato di andare nella foresta e cercare un ramo d’oro di vischio da presentare alla Regina degli Inferi; se Enea era in grado di trovare un pezzo del ramo d’oro, significava che il destino gli aveva concesso di passare nell’aldilà.

Quando i protagonisti incontrano Caronte si rifiuta di dare il passaggio attraverso il fiume alle anime viventi. Senza bisogno di dire una parola, la Sibilla mostra il ramo e Caronte li porta immediatamente a bordo della sua barca.

Il ramo di vischio aiuterà anche in seguito,. Nel suo viaggio Enea, giunti al palazzo di Plutone, fissa il ramo sopra l’ingresso, questo permetterà loro di entrare nel palazzo e, cosa più importante, di andarsene.
Il vischio funge da chiave per  aprire le porte degli inferi.

Anche nel mito di Proserpina (greco: Persefone) Enea gli dona un ramo di vischio. Proserpina era la regina degli inferi, rapita da suo zio Plutone (in greco: Ade) e resa sua sposa. Cerere (in greco: Demetra), la madre di Proserpina, era sconvolta per la perdita di sua figlia e negoziò un accordo che prevedeva che Proserpina avrebbe trascorso metà dell’anno negli inferi con suo marito e l’altra metà dell’anno con sua madre. Proserpina era una delle poche creature che poteva facilmente viaggiare tra i regni, e secondo alcune fonti era la sua bacchetta, creata con vischio, che usava per bloccare e sbloccare i magici cancelli mentre andava e veniva dai mondi.

Un altro mito greco, la storia di Asclepio, suggerisce che non solo il vischio ha permesso ai vivi di viaggiare tra i regni, ma che potrebbe anche possedere il potere curativo per resuscitare i morti. Asclepio era il figlio di Apollo e Coronis, un mortale che aveva tradito la divinità mentre era incinta di suo figlio. Apollo cndannò a morte Coronis per la sua trasgressione, ma ebbe pietà del suo bambino non ancora nato e lo salvò dal suo grembo mentre bruciava nel fuoco divino.

Il bambino Asclepio fu lasciato alle cure del centauro Chirone e fu istruito nelle arti curative. Era qualcosa per cui possedeva una naturale affinità e divenne uno dei più grandi guaritori mai conosciuti. In una storia Asclepio si trovò rinchiuso nella casa di Glauco e incaricato di guarire un uomo che era già morto. Mentre sedeva, chiedendosi come avrebbe potuto compiere un’impresa del genere, un serpente si avvicinò e si raggomitolò attorno al suo bastone. Spaventato, Asclepio scosse il serpente e iniziò a picchiarlo finché non fu morto. Qualche istante dopo apparve un altro serpente, il compagno di quello che Asclepio aveva ucciso. Teneva in bocca un’erba magica che pose nel cranio del suo partner. Miracolosamente, il serpente morto è tornò in vita, completamente guarito. Asclepio fu illuminato e raccolse l’erba lasciata dal serpente, usandola per guarire Glauco dalla morte. Molti credono che l’erba portata dal serpente fosse il vischio, Robert Graves crede addirittura che il nome Asclepio si traduca in “ciò che pende dalla quercia ombrosa” – che significa vischio.

Quindi, d’ora in poi mentre quando acquisterai un rametto di vischio saprai che un tempo fu l’erba più potente del mondo.

#mistletoe #vischio #elfland

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *