Le salamandre > fuoco

Un caminetto scoppiettante può essere considerato sinonimo di calore domestico e di intimità. Chi ancora oggi può godere del multiforme spettacolo della legna che arde non può non subirne il profondo fascino, fatto di cose buone e di antico. Meditare sulla fiamma che, spente altre fonti di illuminazione, si staglia alta contorcendosi e cambiando di colore, sembra allora spontanea aspirazione della mente, finalmente libera dagli affanni quotidiani.

È a questo punto che la magia di un’ atmosfera speciale può far scaturire il fenomeno magico, il prodigio meraviglioso. L’ impressione di una fluente chioma in mezzo al fuoco, di un volto triangolare dalle fattezze quasi umane sul quale spiccano due occhi che sembrano illuminati dalla gioia dell’elemento cui appartengono.

Forse non sono soltanto l’ allucinazione di una psiche eccitata, forse le Salamandre, spirituali creature del fuoco, stanno danzando in onore a Djin il loro re, sotto i nostri estasiati occhi. La loro è una natura necessariamente “solare” ed è per questa ragione che l’incontro è auspicabile sotto il profilo cerimoniale con il culmine estivo della marea eliaca.

Sono costituite di energia purissima e fulgida, per cui hanno aspetto cangiante e inafferrabile, mentre il carattere “focoso” le rende difficilmente controllabili. È bene sapere che in questi esseri alberga un insopprimibile istinto catabolico che li porta a convivere e coincidere con la forza distruttrice ignea nella quale si identificano.

Ciò non significa che l’uso sapiente di questa energia non possa procurare molti vantaggi soprattutto di ordine spirituale, poiché è noto come il fuoco nel fare “terra bruciata” compia al contempo un’insostituibile opera di radicale catarsi.Non a caso la quasi totalità di cerimonie magiche antiche e moderne non prescinde mai dalla presenza della fiamma: tanto che brilli in una semplice candela, oppure si levi alta e vorticosa da un braciere rituale.

All the images on this web page are trademark and artwork of Brian Froud .© Brian Froud. 
Visit WorldofFroud.com for more on this artist.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *